Il cambio della guardia

 16,00

Attenta e articolata disamina di una parte della produzione cinematografica italiana della seconda metà dello scorso secolo, Il cambio della guardia scruta le trasformazioni di quella che veniva denominata un tempo commedia all’italiana, quella di maestri come Comencini, Emmer, Loy, Monicelli, Risi, Scola. Ponendosi in rapporto dialettico con la cultura della modernità e con quella che è stata denominata postmodernità (o contemporaneità), prende in considerazione alcune tesi di illustri critici d’arte e letterari, quali Renato Barilli e Giulio Ferroni. Quindi, attraverso l’esame di alcuni dei più noti film italiani successivi al 1950 (da C’eravamo tanto amati di Ettore Scola a La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana), svolge un’indiretta analisi di costume.

Acquista

ISBN: 9788866285304 Collana: Genere:

Autore

Fabio Sommella è nato, vive e lavora a Roma. Da giovane manifesta interessi per la letteratura e per vari strumenti musicali, laureandosi però in Scienze Biologiche, con una tesi in Neurologia Comparata circa la relazione fra tipologie di sistema nervoso e forme di apprendimento. Seguendo il proprio forte interesse per la conoscenza, frequenta anche altri corsi universitari ma, parallelamente, si dedica alla programmazione informatica, compie il tirocinio post laurea in laboratori di analisi cliniche, sostiene l’esame di abilitazione alla professione di biologo, lavora e collabora a ricerche cliniche nei ruoli di biologo, statistico e informatico. Svolge la professione informatica per decenni, presso varie aziende con diversi ruoli e compiti (sistemista, programmatore, IT problem solver, dba, project manager). Ciò gli permette di coniugare, in una visione integrata, informatica, scienza, musica e cultura. Studia e compone musica, si diletta di matematica, scrive sillogi poetiche, testi narrativi, saggi di critica letteraria e cinematografica, e riscuote riconoscimenti in concorsi di composizione musicale e letteraria.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il cambio della guardia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *